ISBN: 978-88-8492-913-6
Pagine: 190


Condividi pagina su:
 

Il sistema antropologico

di F. Battaglia (Ed. 2010 Pagg. 190)  edito da Edizioni Plus - Universita' di Pisa

Le conoscenze sugli esseri viventi e sull’uomo si sono ampliate notevolmente negli ultimi anni, e conseguentemente è emerso il bisogno di una teoria, cioè di un tutto organico in cui trovi posto in maniera sistematica la comprensione che l’uomo ha di sé inteso come corpo, come individuo e come essere sociale. Da tale teoria ci si attende inoltre che sia capace di mediare da un lato con i diversi ambiti della ricerca scientifica e tecnologica e dall’altro con la dimensione culturale della società umana. Elaborare una disciplina sistematica e popolare allo stesso tempo era già ambizione di Kant: con lui l’antropologia filosofica ha fatto la sua comparsa nei curricula universitari, non solo a beneficio dei filosofi, ma anche dei medici e dei giuristi. Anche la Critica della ragion pura, l’opera che ha attirato il maggior interesse degli interpreti, lascia vedere la sua trama antropologica: se dopo le Prefazioni alle due edizioni si legge prima la Dottrina del metodo e solo poi l’Estetica e l’Analitica, ci si può rendere conto che l’indagine sulle capacità cognitive ed emotive, con cui Kant si è ripetutamente messo alla prova fino all’Opus Postumum, è finalizzata ad assicurare il successo dell’azione, o, come dice Kant, è svolta nell’“interesse dell’uomo”. Tuttavia è difficile fornire la risposta alla domanda kantiana “che cosa è l’uomo”, perché in nessuno dei suoi scritti si trova una formulazione compiuta del sistema antropologico, che si comprende piuttosto solo in un approccio che consideri l’insieme delle sue opere. Questo volume si cimenta con il complesso materiale di matrice antropologica presente nel corpus kantiano, allo scopo esplicitare la connessione della domanda sull’uomo con i caratteri fondamentali della filosofia trascendentale.

Lo sviluppo delle conoscenze in campo antropologico e biologico ha incrementato il bisogno dell’elaborazione di una teoria della natura umana, in cui trovi posto in maniera sistematica la comprensione che l’uomo ha di sé inteso come corpo, come individuo e come essere sociale. Da tale teoria ci si attende inoltre che sia capace di mediare da un lato con i diversi ambiti della ricerca scientifica e tecnologica e dall’altro con la dimensione culturale della società umana. Elaborare una disciplina sistematica e popolare allo stesso tempo era già ambizione di Kant: con lui l’antropologia filosofica ha fatto la sua comparsa nei curricula universitari, non solo a beneficio dei filosofi, ma anche dei medici e dei giuristi. Questa posizione, non pregiudiziale nei confronti della scienza, anzi attenta a valutarne l’impatto sugli orizzonti conoscitivi generali dell’uomo, cui Kant ha lavorato con impegno costante nella sua ricerca, ben si sposa oggi con le esigenze di armonizzare i risultati r... continua

Sfoglialo OnLine

Web
Prezzo:
9.99 €


Leggilo sul tuo dispositivo mobile scaricando l'App gratuita

Library
Prezzo:
11,99
Vai alle pubblicazioni dell'editore