ISBN: 978-88-6580-010-2
Pagine: 138


Condividi pagina su:
 

A tavola nel paese che non c'è

di Pierpaolo Pracca  edito da Il leone verde Edizioni

Il cibo ha un legame di profonda complicità con l’utopia ed è spesso uno dei motivi che la caratterizza. Cibo e alimentazione sono elementi fondamentali nella descrizione di una società immaginaria e, a seconda delle epoche storiche, possono essere segno distintivo di mondi fantastici dove prevale l’idea della frugalità quaresimale oppure dell’abbondanza. Questo libro ne racconta la storia, e il significato, dai miti dell’Età dell’oro alle ideologie novecentesche. Un viaggio dantesco sospeso tra “inferni” e “paradisi”, da Platone ad Huxley, da Esiodo a Orwell, dal rito del cibo al conformismo di quello industrializzato.

Il mIglIore deI mondI possIbIlI mi” vivono in regioni al limite delle terre conosciubocca, non hanno alcun bisogno di nutrirsi, basta e frutti e fiori. Di questo popolo leggendario ci dà primo, Megastene, storico e geografo greco del IV ti Cristo, nel suo Indica, resoconto della missione resso un re indiano. Gli astomi possono viaggiare distanze, attraverso paesi inospitali, senza portare con sé, tranne qualche mela e alcuni fiori. no un poveretto entrò in una taverna e comprò ta. Siccome il padrone stava arrostendo un pollo, scito s’accostò alla sua finestra per accompagnare il con l’aroma della carne. Terminato il pasto, vide arrabbiato dal locale: “Mi devi altri soldi perché hai continua

Sfoglialo OnLine

Web
Prezzo:
5.49 €


Leggilo sul tuo dispositivo mobile scaricando l'App gratuita

Library
Fidare Books
Prezzo:
6,99
Vai alle pubblicazioni dell'editore