ISBN: 978-88-8492-940-2
Pagine: 196


Condividi pagina su:
 

Le politiche per lo sviluppo sostenibile in Italia

di Eugenio Pizzimenti  edito da Edizioni Plus - Universita' di Pisa

A quasi quaranta anni di distanza dall’emergere della questione ambientale nell’alveo delle liberaldemocrazie occidentali, la politica verde si presenta oggi come una realtà ampiamente consolidata. Tuttavia, come più volte sostenuto da numerose organizzazioni internazionali e dalla comunità scientifica, il bilancio dei risultati da essa ottenuti non può generalmente essere considerato soddisfacente. Soprattutto in termini di politiche pubbliche, alla ecologizzazione del dibattito politico, delle istituzioni, dell’economia e della società civile non sembra essere corrisposta una contropartita efficace a livello di strategie e di interventi rivolti al perseguimento dei suoi principali obiettivi. Il presente volume si propone di ricostruire i processi attraverso i quali uno dei più noti paradigmi del pensiero ecologico – il paradigma dello sviluppo sostenibile – è stato assorbito e rielaborato all’interno del sistema politico-istituzionale italiano, dal 1992 ad oggi. Rispetto alle esperienze di altri paesi, in Italia il cammino in direzione di un modello più sostenibile di sviluppo è stato fin qui contrassegnato da ritardi, fraintendimenti e incertezze, ma anche da iniziative di spessore e all’avanguardia, che non hanno però avuto continuità nel tempo. Un mix di fattori di ordine culturale, politico e istituzionale hanno infatti giocato a sfavore di un processo di istituzionalizzazione completa del paradigma, che ha finito così per ricoprire una funzione di tipo simbolico.

UN PARADIGMA CONTESTATO Per quanto a grandi linee, un consenso generale esiste: l’ambiente e l’economia interagiscono e tale interazione esige l’integrazione delle politiche ambientali in quelle socio-economiche. Ma appena ci si addentra nel particolare, si scopre un “vaso di Pandora” pieno di nozioni diverse sulla sostenibilità e di mezzi per raggiungerla. P. Bartelmus (2002, p. 43) L’ipotesi centrale da cui questa ricerca prende le mosse è la seguente: nel corso degli ultimi venti anni, all’inclusione dell’obiettivo di uno sviluppo “sostenibile” all’interno delle agende politiche dei governi dei paesi più industrializzati non ha fatto seguito una adeguata produzione di politiche pubbliche, come conseguenza di una combinazione avversa di fattori di tipo ideazionale, cognitivo e strutturale. Questa ipotesi deve essere testata empiricamente, ossia inquadrata all’interno di uno specifico contesto spaziale e in un determinato lasso temporale. In primo luogo, tuttavia, è opportuno forni... continua

Sfoglialo OnLine

Web
Prezzo:
11.99 €


Leggilo sul tuo dispositivo mobile scaricando l'App gratuita

Library
Prezzo:
13,99
Vai alle pubblicazioni dell'editore