ISBN: 9788895177250
Pagine: 126


Condividi pagina su:
 

La tavola delle meraviglie

di Cristina Caneva  edito da Il leone verde Edizioni

Se non avete mai assaggiato il budino di panfarfalle e la mostardaazzuffa baruffa, se vi attira l’idea di invitare gli amici e offrire lorofunghi ambidestri o confetti del Dodo, questo libro potrà senz'altro darvi qualche consiglio utile. Basterà seguire Alice. Alice è una bambina curiosa, ed è la sua insaziabile curiosità a guidarla in quel labirinto di parole, paradossi e deliziose pietanze animate che è il Paese delle Meraviglie. Qui il cibo non è mai un dettaglio, o una pausa tra un'avventura e l'altra: è un'avventura di per sé. Si mangia per diventare grandi, oppure piccoli, il cibo è gratificante ma anche minaccioso e cela un lato aggressivo e cannibalesco, perchè chi mangia può a sua volta apparire molto appetitoso. Spesso il cibo è una tortura, una ripetizione ossessiva degli stessi gesti all'infinito, come il tè del Cappellaio Matto che non conosce tregue, neppure per lavare le tazze. Scivolando giù nella tana del coniglio, Alice afferra un invitante barattolo di marmellata... vuoto. Tutto il suo viaggio è segnato da una forte frustrazione gastronomica: il cibo viene continuamente evocato ma non c'è, e se c'è non si può mangiare, scompare all'improvviso o produce strani effetti collaterali. Quelle rare volte che viene consumato e gustato, l'abbuffata porta con sé un senso di colpa e un retrogusto crudele, come nel racconto del Tricheco e delle povere ostrichette. Il cibo ispira filastrocche, canzoni, storielle e giochi di parole, solletica il palato ma anche la mente e la fantasia. Per questo La Tavola delle Meraviglie è al contempo un viaggio nel mondo bizzarro di Carroll e un tuffo goloso nella più autentica tradizione culinaria britannica, troppo spesso - e a torto! - svalutata. Cristina Caneva, vive ad Asti dove insegna lingua e letteratura inglese. Ha lavorato per anni come redattrice in giornali locali e ha collaborato con riviste nazionali nel settore spettacoli e cultura. Recentemente ha tradotto dall'inglese i volumi: "Le ombre dei guerrieri di J. Lendon" (Utet 2006) e "Storia dell'Oppio in Cina di Zheng Yangwen" (Utet 2007). Si è laureata in filologia germanica con una esi sulla magia e gli incantesimi nell'alto medioevo inglese, e da tempo si occupa di fiabe e di linguistica (ha curato un corso di scrittura creativa e un laboratorio sulla fiaba). È appassionata di lingua inglese.

C’era una volta una bambina che inseguiva un coniglio bianco, una regina che andava matta per le teste tagliate, un sorriso senza gatto, un vitello similartaruga, una farfalla di pane e burro, un budino educato che si presentava con un inchino, un “uomo sodo” che pagava le parole perché significassero quello che voleva lui. C’era una volta una bambina che cresceva mangiando funghi e biscottini, rimpiccioliva bevendo bottigliette al gusto di mirtillo e tacchino arrosto e nuotava nelle sue lacrime quando piangeva troppo. C’era una volta una bambina che si chiamava Alice. La sua avventura è una favola atipica, un gioco, un viaggio impossibile alle radici del linguaggio e dell’identità. Ma anche una storia golosa che sa di pane e burro, marmellata di arance e torta di mele. Questo libro vuole seguire le tracce di Alice, esplorare il suo rapporto – e quello del suo autore – con il cibo, scoprire ricette curiose che attingono direttamente dalla cucina tradizionale anglosassone ma anche da... continua

Sfoglialo OnLine

Web
Prezzo:
5.49 €


Leggilo sul tuo dispositivo mobile scaricando l'App gratuita

Fidare Books
Library
Prezzo:
6,99
Vai alle pubblicazioni dell'editore