ISBN: 9788871102801
Pagine: 681


Condividi pagina su:
 

Bioetica generale e clinica

di L.M. Borgia, A.Tagliabracci (Pagg. 682 - Ed. 2009)  edito da C.G. Edizioni Medico Scientifiche (libri)

Questa pubblicazione nasce dalle lezioni tenute nell’ambito del master in bioetica generale e clinica dell’Università Politecnica delle Marche. Procedendo con la didattica, è diventato sempre più evidente l’enorme contributo culturale e umano fornito da tutti i relatori, oltre che dalle occasioni di dibattito con i corsisti. Era una ricchezza talmente importante che non poteva essere dispersa senza lasciare traccia. Pertanto, si è pensato di raccogliere gli interventi degli oltre cento relatori, provenienti dalle diverse Università italiane ed europee, in una pubblicazione che racchiudesse tutte le tematiche di bioetica affrontate all’interno del master. Tra gli Autori, compaiono non solo gli studiosi bioeticisti di diversa estrazione professionale e orientamento culturale, ma sono presenti anche specialisti di differenti materie, indispensabili per illustrare in maniera rigorosa le fondamenta di ciascuna tematica, su cui innestare successivamente le considerazioni bioetiche. L’Opera, pertanto, è rivolta agli studenti di bioetica e a tutti coloro che vogliono arricchire la propria professionalità alla luce delle riflessioni bioetiche, avvicinandosi a una materia così affascinante e attuale.

Bioetica generale e clinica non è un titolo banale, come potrebbe sembrare sulle prime. È non solo il titolo più adeguato per rendere ragione dei materiali che compongono quest’opera così ricca di temi e problemi, ma soprattutto è il titolo migliore che le si potesse dare per far percepire al lettore il duplice carattere che contrassegna la Bioetica e di cui forse molti, ancora, non si sono convinti fino in fondo. La Bioetica è costitutivamente duplice. Ha una irriducibile natura clinica. La quasi totalità dei suoi problemi è pensabile all’interno di quel rapporto particolarissimo che è il rapporto medico/paziente. Un rapporto che tutti noi pensiamo, istintivamente, come benefico e necessario, da una parte, ma anche come inquietante e tragico dall’altra. Andando dal medico, la persona si affida: si tratta di un affidamento molto peculiare, che non ha nulla a che vedere, ovviamente, con l’affidamento psicologico-affettivo proprio dell’amicizia e utilitaristico-sociale proprio del lav... continua

Sfoglialo OnLine

Web
Prezzo:
18.99 €


Leggilo sul tuo dispositivo mobile scaricando l'App gratuita

Library
CGEMS Books
Prezzo:
22,99
Vai alle pubblicazioni dell'editore