ISBN: 978-88-8492-901-3
Pagine: 200


Condividi pagina su:
 

I VIAGGI DELL'ASSUNTA

di E. Franchi (Ed. 2010 Pagg. 200)  edito da Edizioni Plus - Universita' di Pisa

Nel 1917, gruppi di donne, sulle rive dell’Adige e del Po, si inginocchiano e pregano al passaggio di una immensa cassa di legno. Nonostante la segretezza dell’operazione qualche notizia è trapelata: nella cassa c’è la tavola dell’Assunta di Tiziano, la “grande e veramente miracolosa Madonna” proveniente da Venezia e diretta a Cremona. Durante la prima guerra mondiale l’Assunta di Tiziano passerà quasi un anno a Cremona, per poi essere trasferita a Pisa. Nella seconda guerra mondiale verrà ospitata nella villa nazionale di Stra. Anche le altre opere d’arte veneziane, nel corso dei due conflitti, percorreranno l’Italia alla ricerca di un luogo sicuro, e Venezia stessa, nel 1944, si trasformerà in un rifugio per il patrimonio artistico di città e regioni sconvolte dai bombardamenti aerei. Mentre si rimuovono le opere mobili, quelle immobili vengono blindate e protette con impalcature e sacchi di sabbia, contrafforti e murature. A Venezia, la facciata di San Marco scompare dietro una cortina di legno, il monumento a Colleoni scende dal piedistallo, i Cavalli di bronzo riprendono la via dell’esilio. Rimane solo un simbolo, durante la prima guerra mondiale, a sfidare il pericolo dall’alto della sua colonna in Piazzetta: il Leone di San Marco. Durante le due guerre mondiali, la responsabilità di conservare il patrimonio culturale italiano per le generazioni future era ben chiara e presente. Come sottolineava il cancelliere della Scuola Grande di San Rocco nel corso della prima guerra mondiale, Venezia, per “il suo manto di bellezza imperitura”, apparteneva, più che all’Italia, al mondo intero.

Spiridione Alessandro Curuni Tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, il regno d’Italia sembrava avesse raggiunto una stabilità economica e sociale. Le città, nonostante avessero già sopportato l’applicazione dei primi piani d’ampliamento che ne avevano aperto, spesso traumaticamente, il perimetro delle antiche cerchia murarie, sembravano al sicuro almeno da azioni speculative che ne potessero minacciare l’autenticità dell’antico carattere ottenuto con il passare dei secoli. In quello stesso periodo, nelle Scuole d’applicazione per gli Ingegneri e nelle Accademie di Belle Arti – sezione di Architettura – venivano addestrati quegli artisti e quei costruttori che saranno impegnati per la determinazione di quale potesse essere l’aspetto più conveniente delle città italiane. Essi dibattevano sugli importanti temi della conservazione e del restauro. Progettavano trasformazioni relative all’utilizzazione, inizialmente contenuta, ma certamente sostanziale, degli spazi fino a quel mome... continua

Sfoglialo OnLine

Web
Prezzo:
23.99 €


Leggilo sul tuo dispositivo mobile scaricando l'App gratuita

Library
Prezzo:
29,99
Vai alle pubblicazioni dell'editore