ISBN: 978-88-8492-861-0
Pagine: 160


Condividi pagina su:
 

Arte orafa a Lucca

di A. Capitanio (Ed. 2010 - Pagg. 160)  edito da Edizioni Plus - Universita' di Pisa

“Le arti mechaniche tra le quali tiene luogo onorario quella degli Orefici”: così si esprime nel 1712 l’autorità dello stato lucchese che all’epoca aveva su questi ultimi giurisdizione, la magistratura dei Commissari di Zecca, segnalando così con evidenza la riconosciuta importanza di tale attività nel contesto cittadino. L’arte orafa ha in effetti a Lucca una lunga e notevole storia, documentata a partire dall’età longobarda e ripetutamente segnata da momenti di grande rilevanza, sia per qualità che per quantità delle opere conservatesi: dalle testimonianze che tra XIII e XIV secolo la mostrano in dialogo con la più aggiornata cultura tecnica e formale del tempo, all’articolata adesione ai canoni rinascimentali, fino all’eccezionale fioritura coincidente con la stagione barocca. Le pagine di questo volume propongono un percorso in quella storia, oggetto in questi ultimi decenni di approfonditi studi e importanti iniziative espositive, che non avevano però ancora visto un’organica riarticolazione di tutti i dati emersi. Il percorso diacronico è poi completato dal repertorio dei marchi che nel tempo sono stati imposti per legge a contrassegnare gli argenti prodotti e che costituiscono oggi una preziosa anagrafe per gli oggetti rimastici.

“Il calzare d’argento” è un’opera lirica di Ildebrando Pizzetti che celebra nel titolo un oggetto di argenteria lucchese legato al culto del Volto Santo: Riccardo Bacchelli, autore del libretto, ha sapientemente intrecciato realtà, nomi storici e leggenda, inserendo uno dei più noti “miracoli” del venerato simulacro – che avrebbe lanciato uno dei suoi calzari d’argento verso un povero giullare come ricompensa del canto offertogli – in una vicenda che vede tra i protagonisti un orafo lucchese realmente esistito, Paio di Nocco, nella finzione teatrale autore del calzare stesso su commissione del “duca di Boemia”1: ovviamente Bacchelli non ha badato alla congruenza di tempi e personaggi, ma certo ha creato una significativa alchimia verificatasi in effetti anche nella storia reale, che ha visto affermarsi a Lucca sin dal Medio Evo una rilevante tradizione orafa, fortemente implementata dalla committenza legata al culto, e spesso con decisivi apporti dall’esterno2. Le pagine che seguono... continua

Sfoglialo OnLine

Web
Prezzo:
15.99 €


Leggilo sul tuo dispositivo mobile scaricando l'App gratuita

Library
Prezzo:
19,99
Vai alle pubblicazioni dell'editore