ISBN: 978-88-6580-053-9
Pagine: 146


Condividi pagina su:
 

Piccole donne in cucina

di Elisabetta Chicco Vitzizzai  edito da Il leone verde Edizioni

Nella vita domestica della famiglia March, ritratta nel capolavoro di Louisa May Alcott, Piccole donne, e nel suo seguito Piccole donne crescono, non mancano pagine esilaranti sugli esperimenti ai fornelli, volonterosi e problematici, di Jo e di Meg come sugli inviti a pranzo, in grande stile ma sfortunati, della piccola “lady” Amy, mentre solo la timida Beth sembra trovare soddisfazione nell’attività casalinga, tanto da meritare dalle sorelle l’appellativo di “angelo del focolare”. La vita in casa March offre però un’immagine alquanto idealizzata di quella che fu la vita della Alcott e dei suoi famigliari, travagliata dalla povertà e messa spesso a repentaglio dall’esagerato idealismo del padre. Quell’Amos Bronson radicalmente vegetariano, maniaco di uno stile di vita ispirato ai canoni della “purezza” di anima e corpo e tutto preso dalla necessità di propagandare le sue convinzioni filosofiche in giro per il mondo, a costo di trascurare il benessere di moglie e figlie. Ripercorrendo i punti salienti del duplice romanzo e della vita della sua autrice, il tema del cibo affiora in questo libro nella sua quotidianità e viene indagato nella sua specificità storica, con il recupero di molte ricette in uso nella cucina statunitense dell’Ottocento (rese tuttavia di facile attuazione anche oggi) e in particolare di quella tradizionale del New England, dove visse la famiglia Alcott e dove sono ambientate le vicende delle quattro sorelle March. Elisabetta Chicco Vitzizzai ha pubblicato, oltre a saggi letterari e testi scolastici, diverse raccolte di racconti ("Storie di dei e di eroi", Mursia, 1993; "Le ali di Mercurio", La Tartaruga, 1994; "L'avventura di una suora", Lupetti e Fabiani, 1999; "Un delitto in eredità", Robin, 2004) e due romanzi ("La quattordicesima carta", Robin, 2003 e "Dio ride", Cairo, 2008). Per questa collana ha già scritto "La cucina golosa di Madame Bovary" e "Alla tavola di Virginia Woolf".

21 Un po’ di teatro e un rinfresco delizioso Tra i grandi divertimenti delle quattro sorelle c’è il teatro. È Jo naturalmente a scrivere i drammi da recitare e a curare la messa in scena, ma con l’entusiastica partecipazione di tutte le altre. * * * Ancora troppo giovani per andare spesso a teatro, e non abbastanza ricche per permettersi spese per le loro rappresentazioni private, le ragazze si industriarono a fare da sé, dal momento che la necessità è la madre dell’invenzione, per avere tutto quello che serviva, riportando a nuova vita vecchi arnesi divenuti inservibili come una salsiera ammaccata, che, ricoperta di carta argentata, poteva sembrare una lampada o gli stracci trovati in soffitta con cui confezionavano i costumi. La sera di Natale una dozzina di ragazze, amiche e vicine di casa, assistono alla rappresentazione, sgranocchiando caramelle tra un atto e l’altro. Le attrici riscuotono molto successo, con loro grande soddisfazione e, alla fine, la mamma riserva a tutte un... continua

Sfoglialo OnLine

Web
Prezzo:
5.49 €


Leggilo sul tuo dispositivo mobile scaricando l'App gratuita

Fidare Books
Library
Prezzo:
6,99
Vai alle pubblicazioni dell'editore